E’ ormai noto che Lunedì 9 Luglio, l’FBI staccherà dalla rete centinaia di migliaia di computer infetti dal famigerato Malware DNS Changer.

La storia comincia nel 2007 quando il virus si diffonde e contagia circa 4 milioni di utenti. L’FBI aveva “tamponato” la diffusione attraverso il reindirizzamento del traffico “malevolo”, generato dai computer infetti, su alcuni server “puliti”, in modo da bloccare l’ulteriore diffusione e fermare le truffe perpetrate attraverso il malware.

Lunedì l’FBI provvederà a staccare, dunque, i server messi in piedi nel 2007 che veicolano, pare, ancora traffico di 300.000 utenti “infetti”.

Il tuo PC sarà fra questi?

Ecco il sito del gruppo di lavoro che si è occupato del problema e che fornisce consigli utili al corretto ripristino in caso di infezione: http://www.dcwg.org/